Night Life a Budapest!

La Budapest serale-notturna ha un certo che di emancipato e promette bene dato che aumenta sempre il numero dei buon locali, e lentamente ritorna la leggendaria Budapest dei caffè dell’inizio degli anni del 1900.
Aumenta , il numero dei turisti, il numero degli stranieri curiosi per la città che hanno deciso di risiedere nella città.
I nuovi ricchi, inoltre spendono sempre di più per passare delle serata d’elite.
Ma prima di tutto la vera Budapest notturna è quella dei giovani, che passano le serate da un locale all’altro soprattutto nel periodo tra la primavera e l’autunno all’inizio della stagione…
Dopo il 2000 è stato accelerato l’ammodernamento dei quartieri lungo l’anulare Nagykörút. L’ammodernamento ha trasformato una serie di edifici (provvisoriamente) abbandonati, in tipici locali della Budapest odierna , chiamati „pub in rovine”.
Nel cortile interno degli edifici venivano aperti per uno-due-tre anni locali all’aperto dove si ascoltava musica consumando birra, panini su sedie molto semplici. In internet e nelle riviste si è diffusa molto velocemente la fama dei pub in rovine.
Chi non dovesse visitare uno di questi pub, non conoscerà mai la Budapest nel 21° secolo. Oggi in tutti i locali notturni si parla inglese.

GOING OUT : SE HAI 20 ANNI

Pub in rovine nel VII° distretto, ad esempio Szimplakert (VII. via Kazinczy 14.) Questo pub in rovine è aperto anche d’inverno con una sala cinema. Intorno al pub, nei cespugli c’è un vero universo: Szimplakert, Szimpla, Dupla, Kis Szimplakert.
Concerto nella Fonó. La casa della musica Fonó è stata aperta nel 1995. Da allora il centro offre musica folcloristica, world music e jazz nell’edificio di una vecchia fabbrica. È un fantastico negozio di dischi con buone bevande.
Il luogo culturale si trova un po’ lontano dal centro, nel Buda Sud. Il nome non è molto conosciuto neanche dai tassisti. (XI. via Sztregova 3.)
Bagno notturno nei bagni turchi del Rudas. Il bagno ristrutturato nel 2005 è aperto venerdì e sabato dalle 22.00 alle 04.00. Diversamente dagli altri giorni possono entrare contemporaneamente uomini e le donne– ma solo in costume da bagno. (I. piazza Döbrentei 9., a destra dall’inizio del ponte Elisabetta sul lato Buda.)

GOING OUT: SE HAI 30 ANNI

Biblioteca Szabó Ervin tra le ore 6 e 8 di sera. A cavallo dei due milleni il centro della biblioteca pubblica di Budapest è stato completato con una nuova ala. Inoltre il palazzo neobarocco dei baroni, di proprietà della biblioteca dal 1927, è stato ristrutturato con cura. Un’avventura molto interessante è uscire all’ultimo dal caffè, che prima funzionava come scuderia, e vedere gli studenti assorti nello studio. Ci sono i giornali e riviste di tutto il mondo con centinaia di computer, visi intelligenti e belle ragazze.
Scoperta del „Soho di Budapest”. Questo quartiere si trova a qualche minuto di passeggiata dalla biblioteca.
Lungo la via principale del Ferencváros interno, la via Ráday con una dozzina di caffè, ristoranti, piccoli negozi. Intorno al 1995 è diventata di moda. L’ambiente è molto più informale, del quartiere elegante dei caffè sulla piazza Liszt Ferenc. (IX., Tra la piazza Kálvin e la piazza Bakáts)
La barca A 38. Non lontano dalla via Ráday, sul lato Buda, a sud dal ponte Petőfi è stata aperta una nuova sala da concerti e ristorante.
Il nome deriva dal fatto che fu costruita sul 38esimo pezzo della barca da rimorchio ucraina, „Artemovsk”.
Importante programma con world music e musica rock, elegante ristorante, e d’estate piacevole terrazza sul tetto con favolose feste danzanti. (un po’ lontano dall’inizio del ponte Petőfi sul lato Buda)

GOING OUT: SE HAI 40 ANNI

Casa KogArt, dopo l’apertura di un’esposizione un rinfresco in un elegante ristorante. La casa d’esposizione del miliardario mecenante è stata aperta nel 2004. Le sue tinte cercano di rispondere al gusto un po’ conservatore dell’èlite degli affari. Al pianoterra si trova una raffinata trattoria circondata da quadri antichi. (VI. viale Andrássy 112.)
Ristorante Menza (Mensa) al retrò. Il nome del ristorante in ungherese significa „conveniente „ ristorante da studenti, cioè mensa. Ma il nome non è attinente con questo locale alla moda. Il design è un’opera d’arte. Rappresenta la Budapest nel 1975 se ci fosse stata la libertà e la vita fosse stata così colorita come era a Londra… (VI., piazza Liszt Ferenc 2.)
Barca Columbus della jazz sul Danubio. É molto facile trovarla. All’interno suonano i musicisti ungheresi di jazz più conosciuti e si mangia a prezzi modici. Un panorama particolare. Una conclusione ideale di una giornata trascorsa a Budapest, piena di eventi – non solo per coloro che la visitano per la prima volta. (V. piazza Vigadó 4., porto N° 4)

Budapest Jazz Club (www.jcb.hu)
Budapest, distretto VIII, via Múzeum n. 7.
Se vuole passare una serata ottenendo una leggera, ma, nello stesso tempo anche un’esperienza di un certo livello, se è un seguace impegnato del jazz oppure lo sta ancora conoscendo, venga al centro del mondo del jazz della capitale, al Budapest Jazz Club! Oltre agli rappresentativi interiori del palazzo ed all’ottima qualità di suono Vi aspettiamo anche con una caffetteria jazz in un’atmosfera amichevole.

GOING OUT: SE HAI 50 ANNI

Concerto nella Sala Grande dell’Accademia della Musica. Il palazzo costruito in stile Liberty è uno dei più belli dell’Europa con un ottima acustica. Non è importante chi e cosa suoni la sera, ma comunque deve essere visto ed ascoltato il concerto serale, che tradizionalmente inizia alle sette e mezza. Prima di tutto è un ateneo dedicato al fondatore, Ferenc Liszt, secondariamente una sala concerti. (VI., piazza Ferenc Liszt 2.)
Cena nel giardino del Club Fészek. Il Club degli artisti costruito nel 1903 si trova a tre minuti di passeggiata dalla sala concerti. Il giardino dà sul cortile interno di un palazzo privato in stile rinascimentale. Luogo particolare in cui anziani artisti e alta borghesia si incontrano per essere notati. (VII., via Kertész 36.)
Caffè New York. Un tempo era il caffè più bello di Budapest , e viene ricostruito per il 2006. Sono nate proprio quà la letteratura e la stampa ungheresi. Si dice che, nel 1894, quando fu aperto il caffè, il proprietario abbia gettato le chiavi del caffè nel Danubio per lasciarlo aperto anche di notte. (VII., anulare Erzsébet 9-11.)

GOING OUT: SE LEI HA 60 O DI PIÙ ANNI

Teatro dell’operetta di Budapest. Dopo Parigi e Vienna era Budapest la terza Mecca dell’operetta. La tradizione è viva, Budapest ha un teatro con un repertorio specializzato nelle operette (e nei musical). Si trova nel quartiere chiamato „Budapest Broadway”. (VI., via Nagymező 17.)
Cena nelle vicinanze del viale Andrássy. Dopo lo spettacolo una dozzina di ristoranti sono a disposizione del pubblico. Vale la pena ammirare anche le vie laterali. Nella via Ó e Mozsár ci sono ristoranti molto buoni – stelle fisse nell’offerta di ristornati varianti spesso.
Cinema notturno nel WestEnd, poi una passeggiata nella terrazza sul tetto. Nell’enorme edificio del centro commerciale/uffici/albergo costruito nel 2000 (progettato da uno dei più famosi architetti ungheresi, József Finta), nel simbolo moderno di Budapest ci sono anche numerosi cinema. I film vengono proiettati dopo l’ora di cena molto tardi. Qualche film è sottotitolato. (Questo fatto deve essere tenuto in considerazione!) Dopo il film vale la pena fare una passeggiata nella terrazza sul tetto verso la città. Dalla terrazza si ammira la stazione ferroviaria progettata dallo studio di Eiffel e la città. (VI., tra la piazza Nyugati e XIII. piazza Lehel con numerosi ingressi)

(fonte Ufficio del Turismo di Budapest)